Menu
0 Comments

Cose divertenti da fare in Sardegna

Storia antica, spiagge dal mare cristallino, enogastronomia, feste e tradizioni popolari ci aspettano in Sardegna.

Stiamo programmando un viaggio in Sardegna? Oppure voliamo soltanto con la fantasia, aspettando di vincere al gioco per regalarci una gita non programmata?

Allora potremmo dare un’occhiata a Eurobet Casinò recensione e poi vedere insieme quali sono le attrazioni della Sardegna. Prepariamoci a un’esperienza unica in quella terra di incontro tra mare e montagna, ricchezza e povertà, preistoria e modernità.

Visitare Cagliari e la Sardegna del sud

La città di Cagliari è bellissima, molto particolare e ricca di storia. Potrebbe essere la base ideale per visitare la parte meridionale dell’isola.

Dopo aver visto la parte antica del capoluogo sardo, con la cattedrale in cima alla città e il bastione San Remy a proteggerla, possiamo bere un bicchiere di vermentino con la vista del mare e avventurarci tra le stradine medievali della città vecchia.

Chi ha mai visto un nuraghe?

I nuraghe sono torri di pietra sparse in tutta l’isola, edifici costruiti tra il 1800 e il 1100 a.C durante le varie fasi della civiltà nuragica. Nonostante il materiale a disposizione degli archeologi e degli storici, non è ancora chiaro a che cosa servissero, se fossero abitazioni o strutture con funzione difensiva, luoghi sacri oppure primitivi osservatori astronomici. Forse tutte queste cose, nessuno lo sa. Vicino a Cagliari c’è quello di Su Nuraxi, uno dei più grandi e meglio conservati di tutta la Sardegna.

La Costa Smeralda

Cambiamo versante e dirigiamoci sulla costa nord dell’isola, raggiungiamo la Costa Smeralda e immergiamoci in un ambiente completamente diverso.

Le spiagge bellissime e uniche al mondo, le calette incastonate nelle scogliere, l’acqua limpida e verde come un gioiello, appunto come lo smeraldo. In questa lingua di terra troveremo grandi ristoranti alla moda, hotel a cinque stelle e yatch meravigliosi ancorati a Porto Cervo.

Ma anche discoteche e club esclusivi, personaggi famosi che passeggiano sul lungomare e un nuovo museo di arte moderna.

Immergerci nella preistoria

Non lontano dalla Costa Smeralda, possiamo visitare Coddu Vecchiu, uno dei siti archeologici più importanti d’Italia, con edifici risalenti all’Età del Rame e della Pietra. Visiteremo alcuni nuraghe ben conservati e le tombe dei giganti, luoghi sacri composti da torri antiche quasi 4 mila anni.

Mangiare in Sardegna

Japs 88 / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)

Per descrivere le prelibatezze della cucina sarda, tradizione di pastori e contadini, servirebbe un articolo a parte. Sull’isola troveremo ovunque ristoranti di pesce concentrati lungo la costa e agriturismi soprattutto nell’entroterra, dove assaggiare i sapori frutto di un intreccio culturale di migliaia di anni, rimasto praticamente intatto fino a oggi.

Immancabili i formaggi sardi e il famoso porceddu, un maialino da latte cucinato arrosto. Ma anche i culurgiones, ravioli di patate molto gustosi, i malloreddus, gnocchi di semola conditi con sughi dal sapore deciso. Il pane carasau, piatto tipico fatto con il pane carasau e altri ingredienti poveri della tradizione, e infine tanta prelibata bottarga da grattare sulla pasta o da mangiare a scaglie. Per non parlare dei dolci sardi…

Fermiamoci qui, la fame si fa già sentire, insieme alla voglia di andare in vacanza. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *