Menu
0 Comments

Olbia la città “felice”

Olbia è una delle città più rinomate della Sardegna, soprattutto per via della sua vicinanza con la celebre Costa Smeralda e per la presenza di un’efficiente area portuale e aeroportuale che serve da snodo turistico e commerciale per tutta la parte settentrionale dell’isola.

Sin dall’età antica Olbia era famosa per la sua eccellente posizione naturale, tanto che i Cartaginesi la chiamavano “Olbios” ossia “felice.

Anche i Romani intuirono, sin da subito, l’importanza di questa città come punto commerciale privilegiato e come snodo di comunicazione tra nord e sud della Sardegna e tra l’isola stessa e l’Italia.

L’aspetto che colpisce di Olbia è proprio la commistione tra la sua anima antica, ben visibile nel centro storico e visitando il museo archeologico della città, e quella più moderna rappresentata dal suo porto e, soprattutto, dal suo aeroporto internazionale.

Nonostante Olbia venga spesso considerata solo come base di partenza per visitare la parte gallurese, in realtà Olbia stessa è una città che merita di essere vista e scoperta sia per le sue bellezze artistiche ed architettoniche sia per le sue ricchezze naturalistiche.

Cosa vedere ad Olbia

Come prima tappa di un week end a Olbia consigliamo una passeggiata lungo Corso Umberto, una delle vie centrali più antiche della città. Questa strada ospita alcuni degli edifici in granito più antichi di tutta la Sardegna, come anche la Chiesa di San Paolo che risale al XVIII secolo.

Sempre percorrendo Corso Umberto è possibile ammirare e fotografare dei palazzetti in stile liberty perfettamente conservati ed è possibile visitare alcuni edifici di epoca fascista, come quello chiamato “Scolastico”, adibito oggi a Casa Comunale. Passeggiando nel centro storico potrete trovare tanti ristorantini tipici e tante botteghe di artigianato e negozi di souvenir, soprattutto in Piazza Margherita, considerata il cuore pulsante della città.

A sud di Olbia, percorrendo la provinciale in direzione Lòiri, si possono ammirare i resti di un castello medievale del XII secolo. Della struttura originale si sono conservate pressoché intatte la cinta muraria poligonale e una torre a pianta quadra. Da non perdere anche una visita al complesso nuragico di Cabu Abbas, alla basilica di San Simplicio e al Pozzo sacro Sa Testa. Infine, imperdibile è una puntata a Golfo Aranci, un pittoresco borgo di pescatori che, soprattutto nei mesi estivi, si trasforma in una delle località più caratteristiche della Gallura.

Le più belle spiagge vicino a Olbia

Oltre alle sue bellezze artistiche e monumentali, Olbia merita una visita anche per le sue incredibili bellezze naturalistiche. Tra le spiagge più rinomate ricordiamo Pittulongu, detta anche la spiaggia degli Olbiesi, Cala di Volpe, la spiaggia di Bados e la spiaggia di Porto Istana.

Molto vicino ad Olbia si trovano poi le località turistiche più rinomate della Costa Smeralda, come Porto Rotondo, Porto Raphael e, ovviamente, Porto Cervo.

Se poi cercate qualcosa di veramente speciale, allora vi consigliamo una gita in barca a Tavolara, un isolotto prospiciente la costa che è famoso per la sua indescrivibile bellezza, per l’azzurro del mare e per la sua natura incontaminata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *