Menu
0 Comments

La cultura sarda tra arte, musica e tradizioni locali

Tutte le Regioni d’Italia sono ricche di tradizioni e di usi e costumi locali ma poche possono vantare un’origine così antica e radicata nel territorio come la Sardegna.

La cultura sarda, con il suo mix tipico di arte, storia, musica, artigianato ed enogastronomia ha un qualcosa di veramente speciale ed unico.

Perfino il dialetto di questa terra è così caratteristico da essere considerato come una vera e propria lingua, distinta dall’italiano.

Alla base della cultura sarda vi è un forte senso di identità e una fierezza nelle proprie radici che ha reso la Sardegna famosa in tutto il mondo.

Basta partecipare a una sagra o ad una festa popolare di un qualsiasi paese sardo per rendersi conto di quanto le tradizioni siano profondamente radicate nella società di questa splendida isola.

Da un punto di vista musicale, per esempio, non possiamo non citare i tipici gruppi folcloristici dei “Cantadoris” che, con i loro vestiti e costumi d’epoca, ravvivano periodicamente le viuzze dei centri storici.

Anche l’abbigliamento è parte integrante della cultura sarda: i tipici vestiti indossati dagli abitanti del posto in concomitanza con le sagre o con le manifestazioni più importanti, come quella della festa di Sant’Efisio a Cagliari, sono dei veri gioielli della sartoria regionale.

L’abito tradizionale sardo racconta la storia di questa terra e ne esprime il carattere ospitale e solare.

Oltre all’abbigliamento, l’artigianato sardo è famoso per le sue ceramiche, per i prodotti fatti in sughero e per i tessuti lavorati all’uncinetto con grande pazienza e maestria dalle donne del posto.

È importante sottolineare come ogni zona della Sardegna ed ogni singolo paese abbia delle proprie tradizioni peculiari: il senso di appartenenza a ciascuna città è davvero molto forte e viene rivendicato con orgoglio dai Sardi.

Altri elementi imprescindibili della cultura sarda sono la sua arte e la sua enogastronomia.

Sotto un profilo artistico la storia della Sardegna è fortemente caratterizzata dall’arte nuragica, considerata una dei simboli più famosi di questa terra.

Oltre a ciò, in Sardegna si trovano resti della civiltà araba, romana, cartaginese e perfino fenicia. In particolare, da non perdere è l’area archeologica di Nota che si snoda sul promontorio di Capo Pula ed è considerata una delle zone sarde più interessanti sotto un profilo storico.

Parlare della cultura sarda significa, inoltre, parlare della sua enogastronomia e della sua cucina tipica.

Ovunque è famoso il pane sardo, detto anche “pane carasau” o la carne di pecora con i suoi tipici arrosticini. Squisiti sono poi i liquori a base di mirto, realizzati da una celebre azienda sarda che esporta in tutta Italia.

Oltre al mirto, da assaggiare è l’acquavite locale, chiamata in dialetto “Filu ferru”, e il celebre vino rosso “cannonau”, ottimo con le carni saporite.

Altri prodotti tipici sono i formaggi e il pecorino sardo, apprezzato per la sua stagionatura, nonché dolci dal sapore particolare come le “seadas” o i “gueffus.

Come si può intuire, quella sarda è una delle culture più antiche, radicate e ricche di tradizioni di tutto il nostro Belpaese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *